QUANDO IL FIASCO CAPITA A FAGIOLO

QUANDO IL FIASCO CAPITA A FAGIOLO
QUANDO IL FIASCO CAPITA A FAGIOLO 5 1 Anonymous

La ricetta toscana dei fagioli al fiasco ci ricorda che anche in cucina le cose migliori,
dalle patatine alle crêpes suzette, a volte arrivano proprio dagli sbagli.

Fagioli al fiasco

Non che la ricetta dei fagioli al fiasco sia un errore, intendiamoci.
Già a partire dagli ingredienti si capisce lo spirito di questo classico: poche cose, tutte di alta qualità lasciate insieme a cuocersi piano piano in modo che distillino la loro anima come nell’alambicco di un alchimista. Come succedeva quando le massaie buttavano il fiasco nella cenere del camino, dimenticandosene per stare appresso a mille altre faccende.
E mentre il fiasco (forse l’ingrediente più difficile da recuperare ad essere sinceri: se ne avete qualcuno tenetelo da parte) si fa i fatti suoi sul fuoco basso basso, noi abbiamo pensato a tutte le volte che da un metaforico fiasco sono nate delle cose meravigliose.

Anche solo per restare in cucina, prendete le patatine fritte: non le french fries, che poi sarebbero nate in Belgio ma questo è un discorso che faremo un’altra volta, intendiamo proprio le patatine quelle del sacchetto. Beh, pare che siano nate nel 1853 per sbaglio o, meglio, per una ripicca non riuscita.
Esasperato dalle lamentele di un cliente che gli rimandava continuamente indietro le patate perché erano tagliate troppo grosse, lo chef George Crum del ristorante newyorkese Moon Lake Lodge Resort le affettò così sottili da essere quasi trasparenti e assolutamente imprendibili con la forchetta, le buttò nell’ olio bollente e gliele portò credendo di fargli un dispetto, e non di creare quel capolavoro di gusto, calorie e colesterolo che sarebbe col tempo diventato la gioia di milioni di bambini e di dietologi di tutto il mondo.

Una quarantina d’anni dopo, nel 1892 un giovanissimo assistente dello chef del rinomato Cafè de Paris di Montecarlo aggiunse troppo liquore alla crêpe che gli era stato chiesto di preparare per il futuro re d’ Inghilterra Edoardo VII. Si decise di servirla comunque, e il giovane principe gradì così tanto che chiese al cuoco, che di certo non mancava di faccia tosta, come si chiamasse quella ricetta così buona. Guardando l’avvenenza dell’ospite che accompagnava il nobiluomo, il ragazzo battezzo il dolce crêpe princesse, ma il buon Edoardo, che non era certo in compagnia di una futura principessa, decise più democraticamente di battezzarla col nome proprio della ragazza. Suzette, ovviamente.

Perché come diceva John Lennon, la vita è quello che ti succede mentre stai facendo altri progetti. E noi, visto che nel frattempo i fagioli si son cotti, realizziamo il nostro progetto di mangiarceli alla vostra salute.

 

Post correlati

politepolarbear ha detto:

Da piccolo nel garage di casa mia, insieme alla 600, c’erano anche damigiane e fiaschi dove il mio papà imbottigliava il vino. Ma adesso dove caspiterina riesco a trovarlo un fiasco?