Mondo in Pentola, il gusto di stare insieme.

Mondo in Pentola, il gusto di stare insieme.
Mondo in Pentola, il gusto di stare insieme. 5 1 Anonymous

Screenshot 2015-01-07 17.00.59

Lo sapete da tempo: Odio il Brodo ama i falafel, del resto ne abbiamo fatto anche una inforicetta…

Alla festa di Natale di Monforte c’erano quelli preparati da Mondo in Pentola, progetto di catering multiculturale, nato da un corso di cucina, nato all’ interno di un progetto per il recupero delle periferie di Milano.

Detto così sembra complesso, ma è molto più semplice e coinvolgente nelle parole di una delle responsabili, Ersilia D’Antonio:

“Tutto è nato con Dencity, progetto per il recupero della periferia del Giambellino, in cui è stata inserita la possibilità di fare un corso di cucina multietnica gratuito che dava crediti formativi con certificazione htcp. Grazie a un accordo col comune abbiamo ottenuto la possibilità di utilizzare che ha dato una cucina professionale in via Fleming che, dopo un processo di autoselezione fra i vari candidati, ha ospitato undici donne provenienti da ogni parte del mondo: Albania, Romania, Costa Rica, Cuba, Eritrea, Senegal, Spagna, Italia, Giappone. “

Perché il cibo unisce, e aiuta a superare anche le barriere etniche e culturali: “Lavorando fianco a fianco le une con le altre” prosegue Ersilia D’Antonio “le nostre cuoche hanno imparato a vincere la diffidenza e il razzismo, perché esiste anche fra gli immigrati, che spesso nascono proprio dalla mancanza di scambio e di conoscenza dell’ altro. Ognuna ha trasmesso all’altra le specificità della sua cultura gastronomica, in un concetto di cucina lontano mille miglia dall’ idea generica di “fusion” ma vicinissima all’esperienza quotidiana di una cucina dove, più che le ricette e le alchimie , contano la familiarità e l’esperienza quotidiana all’ interno della cucina che l’incontro fra varie culture può portare fra i fornelli”.

Così, mentre alcuni imparavano a cuocere, appunto, i falafel, altre chiedevano una cosa che per noi è quasi scontata: come si fa a fare il, sugo.

Perché l’integrazione passa anche dalla gola, e progetti come questo valgono probabilmente quanto tutta Expo2015. Ora che Mondo in pentola si propone di diventare un servizio catering a tutti gli effetti, speriamo che qualche azienda che organizzerà eventi in occasione di questa manifestazione si ricordi di loro per il buffet. Magari guardando in queste foto quello che hanno preparato al mercato di Lorenteggio, in occasione della presentazione del gruppo.

Post correlati