Mellow Yellow: il mio risotto giallo manga…

Mellow Yellow: il mio risotto giallo manga…
Mellow Yellow: il mio risotto giallo manga… 5 1 Anonymous

risottomellowIl risotto giallo alla milanese dovrebbe essere servito all’onda, cioè mantecato a dovere e morbido al punto giusto. Ma c’è una nuova onda gialla che da qualche anno invade Milano, almeno un paio di volte l’anno: è uno tsunami che arriva direttamente dal Giappone e che vede un numero sempre crescente di appassionati vestirsi come gli eroi dei Manga ( per chi ancora non lo sapesse ancora, i fumetti giapponesi che si leggono al contrario da destra verso sinistra).

Una delle occasioni per farsi travolgere da quest’onda è il Festival del Fumetto di Novegro (Milano-Linate): io domenica ci sono stato, e dopo aver incontrato Sampei il pescatore (Tsurikichi Sanpei), Lady Oscar (Berusaiyu no bara), l’ispettore Zenigata (Zenigata keibu) e Lupin III (Rupan Sansei), Fairy Tales e Sailor Moon (Bishōjo Senshi Sērā Mūn) mi è venuta l’idea di dare un tocco orientale al tradizionale risotto giallo allo zafferano, e un nome che facesse onore a Yellow Kid, il primo fumetto della storia.


Così ho preparato il mio classico brodo di verdura, un soffritto solo di cipolla e dopo aver fatto tostare il riso l’ho sfumato… con il succo di mezzo limone. Poi ho aggiunto un mestolo dopo l’altro il brodo in cui ho sciolto una bustina di zafferano (fra l’altro, vicino agli scaffali dove lo vendono manca davvero poco che mettano dei bussolotti come per entrare in banca: ci avete fatto caso?). Ancora giallo, e questa volta davvero orientale, con una buona dose di curry: io ci vado già piuttosto pesante, ma potete dosarlo voi a piacere.
A cottura ultimata, ho mantecato con una crescenza leggera e l’ho servito , altro omaggio al mondo del fumetto, con due orecchie (stile Totoro) fatte di chips di grana padano.
Avevo ospiti piuttosto difficili, milanesi D.O.C. per cui il risott giald, risotto giallo, è quasi una fede e devo dire che l’esperimento ha ottenuto un corale arigatò (ありがとうございます, Arigatou gozaimasu: Grazie molte, ndr), spero come ringraziamento giapponese e non come richiesta alternativa di un piatto di pasta, come nello storico spot di Fellini per Barilla .
Nel dubbio, mi sto già prenotando per l’appuntamento con Cartoomics per un nuovo tuffo nel manga… e magari per rivisitare pure la cotoletta!

Post correlati